Scrittura veloce e revisione: l’esempio di Paul McCartney

Paul McCartney

Una volta che iniziate a scrivere, fatelo velocemente. Buttate giù qualsiasi cosa vi venga in mente sul foglio. È più facile sistemare delle note, degli accordi o dei testi poco opportuni, che riempire un foglio vuoto. Paul McCartney racconta della scrittura di Hey Jude e in particolare di quando la suonò per la prima volta davanti a John Lennon. Quando arrivò alla riga di testo “The movement you need is on your shoulder”, diede un’occhiata a John e disse “Sistemerò questa parte più avanti!!!”. Morale della favola: annotate qualsiasi cosa. Avrete sempre tempo per rivedere la canzone e sistemarla a vostro piacimento, e chissà che quella parte di testo che pensate che non funziona, non sia poi valida in futuro, come scoprì McCartney quando decise di tenere la riga che voleva sistemare.

Condividi questo articolo

Share on facebook
Share on linkedin
Share on twitter
Share on email

Iscriviti alla nostra Newsletter

Registrati per non perdere nessuna novità!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Altri articoli interessanti

L’eccellenza è un’abitudine

Will Durant ha scritto che “noi siamo ciò che facciamo continuamente”.Se questo è vero, significa che tutte le nostre azioni quotidiane devono essere immaginate e realizzate

Scegliere la propria strada

Scrivere canzoni vuol dire mettersi continuamente in gioco e in discussione. A volte significa anche vacillare, cadere e rialzarsi. Obiettivi chiari e tenacia sono due