L’importanza delle piccole cose (J. Ratini)

La mia vita è mia… ora.

Il mio tempo è mio… adesso.

Spesso mi dimentico che il mio tempo è solamente mio e di nessun altro.

Più volte mi sono ripromesso di non correre, di non affannarmi, di non farmi governare dai giorni e dalla vita che passano.

Di non essere solo spettatore ma anche e soprattutto attore e interprete del mio tempo.

Perché il mio tempo è mio… solamente mio.

Come la mia vita.

E’ una ed unica, per questo la devo e la voglio vivere ogni giorno da protagonista.

A volte mi dimentico l’importanza delle piccole cose, quei piccoli gesti quotidiani che rendono l’esistenza importante e speciale.

Mi dimentico che essere liberi significa, anche e soprattutto, scegliere come organizzare  e gestire i miei giorni e il mio tempo.

Mi capita molto spesso di scordarmi che il mondo non mi deve dominare ma sono io che devo affrontarlo e prenderlo di petto, ricordandomi che posso sempre scegliere ciò che mi piace da ciò che non mi piace.

Mi dimentico che la schiavitù è solo un invenzione dell’uomo, così come lo sono le catene e le prigioni.

A volte scordo che la forza e l’energia devono partire da me e non dagli eventi esterni o dagli altri.

Ma spesso mi mancano proprio la forza, l’energia e la lucidità per impadronirmi di ciò che mi circonda.

Alcune volte la mia testa è troppo annebbiata: lo stress, le preoccupazioni la fanno da padrona.

Altre volte mi scordo di essere un cittadino del mondo e che tutto quello che mi ruota intorno mi può appartenere. Anche solo per un istante, può essere mio.

Spesso e volentieri mi faccio ancora trasportare e sopraffare dagli eventi e non nego, che, a volte, questo mi sia piaciuto ma era un piacere momentaneo, illusorio.

E’ l’importanza delle piccole cose che spesso mi sfugge, nascondendosi dietro frasi fatte, luoghi comuni, dinamiche o situazioni di cui già conosco il finale, sempre uguale, sempre lo stesso.

E’ come se a volte non cogliessi l’essenza del mondo che mi gira intorno e che mi chiama per nome.

Certe volte il bicchiere di vino mi aiuta a dimenticare, per qualche istante, cosa voglio e dove sto andando.

Perché  mi piace affogare i pensieri nei vizi: mescolarli, giocarci, bruciarmi un po’, per tornare a sentirmi vivo.

Ma poi a distanza di tempo mi rendo conto che tutto ritorna e che ciò che mi ero lasciato alle spalle viene a bussarmi.

E capisco che le volte in cui pensavo di averla fatta franca, al tempo, alla vita, erano solo illusorie.

Come se qualcuno mi avesse osservato scappare e mi avesse rincorso per redarguirmi e mostrarmi il filmato o la lista delle mie azioni e scelte sbagliate.

E’ la vita che torna ad insegnarmi qualcosa, a ricordarmi che esisto, che sono vivo, in tutto, anche nei miei errori.

E’ il tempo che torna a scandire i momenti giusti da quelli inesatti, le scelte sagge da quelle futili.

Il mio tempo… il mio.

Il tempo di vivere la mia vita da protagonista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Altri articoli interessanti

40 Modi per Essere Creativi

1. Fare liste o elenchi puntati.2. Portare sempre un taccuino con sé.3. Scrivere liberamente, senza porsi dei limiti.4. Staccarsi dal