Non è un Paese per Giovani (J. Ratini)

Il mio Paese ha le rughe.

Il mio Paese è genuflesso e bloccato dal “colpo della strega”.

Il mio Paese avrebbe bisogno di un buon chirurgo plastico e di un buon fisioterapista

ma non ne vuole sapere di farsi curare.

 

Il mio paese ha avuto un boom ma ora ha fatto “Boom!“

Il mio Paese è obeso perché è tutto un “magna-magna”.

Il mio Paese ha fatto traboccare il vaso ma si ostina a non chiamare un idraulico.

Il mio Paese è miope, presbite e astigmatico ma non vuole correggere la vista:

occhio non vede cuore non duole.

 

Il mio Paese, narciso, continua ad ammirarsi allo specchio da anni.

Il mio Paese si ostina a dire che la mafia non esiste ma chissà perché, in giro,

si continua a dire che il mio Paese è solo “Pizza, Spaghetti e Mafia”.

 

Il mio Paese non vincerà più un Oscar.

Il mio Paese non vincerà più un Nobel.

 

Il mio Paese continua a farsi dei clamorosi autogol.

Il mio Paese ha voluto morire, suicidandosi.

Il mio Paese ha messo la sporcizia sotto il tappeto

e ora si ritrova con la merda fino al collo.

 

Il mio Paese è caduto in letargo nel XX secolo e non si è mai accorto dell’arrivo del XXI secolo.

Nel mio Paese chi ha mangiato e rubato nel secolo passato, adesso ha la pancia e le tasche piene.

 

Il mio paese si è perso il libretto delle istruzioni.

Il mio paese ha superato la data di scadenza da anni.

Nel mio paese è notte fonda, da tempo.

 

Il mio non è un Paese per giovani.

 

(Dal Libro “Se Rinasco Voglio Essere Yoko Ono”: http://www.ibs.it/code/9788898149018/ratini-jacopo/se-rinasco-voglio-essere.html)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Altri articoli interessanti

40 Modi per Essere Creativi

1. Fare liste o elenchi puntati.2. Portare sempre un taccuino con sé.3. Scrivere liberamente, senza porsi dei limiti.4. Staccarsi dal