Mogol non l’avrebbe mai fatto (Giulio Rapetti Sì!) [J. Ratini]

Mogol

Intervista fatta a Giulio Rapetti, in arte Mogol, spacciandomi per il giornalista di un settimanale inventato.

 

[Io]: Ciao Giulio!

[Giulio]: Ciao! Per quale giornale scrivi?

[Io]: Per “Domande Surreali ad Autori Reali”.

[Giulio]: Ma che nome è?

[Io]: Di fantasia.

[Giulio]: Esce in edicola?

[Io]: No, solo on line.

[Giulio]: Male, molto male. Hai parlato col mio ufficio stampa?

[Io]: Sì, abbiamo già concordato le domande. Tutto in regola. Sei pronto?

[Giulio]: Mah, non so. Non mi convince troppo ‘sto magazine. Cmq iniziamo.

[Io]: Prima domanda. Ma nella canzone del sole, la mano l’hai fermata tu o la tipa con le calzette rosse?

[Giulio]: Io a lei.

[Io]: E perché?

[Giulio]: Perché respirava troppo piano.

[Io]: E allora ?

[Giulio]: Allora… Sembrava morta, una zombie: mi stava facendo paura. Poi io non ci avrei mai provato con lei.

[Io]: Perché?

[Giulio]: Se mi avesse detto “No!” lo sai per quanto tempo avrebbe riecheggiato il suo eco in quella cantina buia?

[Io]: Capisco.

[Giulio]: Poi avevamo una certa fretta… Sai, le biciclette abbandonate sopra il prato…

[Io]: I ladri intendi?

[Giulio]: Esatto! A lei le rubarono la bici.

[Io]: Ma dai? E a te?

[Giulio]: A me col cavolo. C’avevo messo il bullock sulla ruota dietro.

[Io]: Ma non esisteva il bullock negli anni ‘70?!

[Giulio]: Era un prototipo…

[Io]: Senti, Giulio, ma “il fiore in bocca che può servire (sai)” era una canna?

[Giulio]: Sì, d’erba calabrese.

[Io]: Come “le bombe delle sei” del Venditti?

[Giulio]: Si, ma io scrissi prima.

[Io]: Però lui a “Claudia dalla gambe tese” non fermò la mano?!

[Giulio]: Sì, ma tanto io dopo qualche anno la tipa dalle bionde trecce me la son fatta. E non è stato neanche un granché. Quindi…

[Io]: Giulio… chi è per te il più grande scrittore della storia?

[Giulio]: Io.

[Io]: E il secondo?

[Giulio]: “L’uomo che più lacrime non ha”.

[Io]: E come si chiama?

[Giulio]: Tarcisio Gubassi in arte “L’uomo che più lacrime non ha”.

[Io]: E da quanti anni è che non piange il Gubassi?

[Giulio]: Più di trenta.

[Io]: E come fa senza lacrime?

[Giulio]: Ha una pompetta spara lacrime artificiali nel taschino sempre con se, perché gli fanno tutti quanti questa domanda del cazzo.

[Io]: Come può uno scoglio arginare il mare?

[Giulio]: Non credo possa.

[Io]: E che sensazione hai provato a “planare sopra boschi di braccia tese”?

[Giulio]: A dire il vero è stato scomodo ma mi sono sentito un po’ Hendrix, un po’ Morrison.

[Io]: E dimmi, l’abito della donna, cmq bella, “vestita di fari in città” com’era?

[Giulio]:Molto luminoso. Infatti, poi, l’assunsero all’Enel ed ora è il direttore della centrale idroelettrica di Torrite, nel comune di Castelnuovo Garfagnana.

[Io]: Toglimi una curiosità: ma se “il ventuno del mese i vostri soldi erano già finiti”, come facevate a campare gli ultimi nove o dieci giorni?

[Giulio]: Rubavamo auto allo sfascio e facevamo prostituire, all’occorrenza, la zia Greta.

[Io]: E la tipa a cui non hai più aperto quella sera di “leggera follia” in innocenti evasioni, l’hai più sentita?

[Giulio]: Sì,il giorno dopo.

[Io]: E che le hai detto?

[Giulio]: Che ebbi una colica renale e mi dovettero ricoverare d’urgenza.

[Io]: E c’ha creduto?

[Giulio]: Non credo. Però poi tornò a trovarmi due weekend dopo.

[Io]: Sempre in quella casa?

[Giulio]: Sì!

[Io]: Sei un genio!

[Giulio]: Lo so.

[Io]: Eri fatto d’erba anche quando ordinasti al “salame dai capelli verde rame” di smettere di piangere?

[Giulio]: No, lì era eroina.

[Io]: La storia della “donna per amico”?

[Giulio]: Una cazzata enorme. Mi serviva solo per far rima con “Può darsi che io non sappia cosa dico” e “ ma che disastro io mi maledico”.

[Io]: E “quel gran genio del tuo amico con le mani sporche d’olio” fa ancora il carrozziere?

[Giulio]:  No, ora è in pensione e fa l’addestratore di ippopotami nello Srī Lanka.

[Io]: Ti capita ancora di “prendere a pugni un uomo solo perché è stato un po’ scortese, sapendo che quel che brucia non son le offese”?

[Giulio]: Spesso! Ma ho meno problemi legali: ora sono iscritto al Fight Club di Terni. Lì è tutto a norma.

[Io]: Quante macchine hai distrutto a furia di “guidare a fari spenti nella notte per vedere se poi è tanto difficile morire”?

[Giulio]: Diverse. L’ultima, una Jaguar, due settimane fa.

[Io]: E dimmi, è vero che “cancellando con coraggio quella supplica dagli occhi” sei riuscito a “vivere una vita luminosa e più fragrante”?

[Giulio]: Sì! Anche se a volte “il coraggio di vivere, quello, ancora non c’è”.

[Io]: Conservi ancora “la veste dei fantasmi del passato”? E se è così, dove la tieni?

[Giulio]: No. L’ho venduta su eBay spacciandola per la sacra sindone. E comunque la tenevo nascosta in “un magazzino che contiene tante casse, alcune nere alcune gialle alcune rosse”.

[Io]: Ma è vera la storia che “quando lei se ne andò, per esempio, trasformasti la tua casa in un tempio”?

[Giulio]: Un tempio buddhista, per l’esattezza. Organizzo incontri il lunedì, il mercoledì e il venerdì dalle 19 alle 21.

[Io]: L’hai più vista Francesca?

[Giulio]: Sì!

[Io]:Era sempre vestita di rosso?

[Giulio]: No, ora veste solo blù… E’ cianotica.

[Io]: E il “bambino che rubava e soltanto nel buio giocava”?

[Giulio]: Mai più visto. Però, da voci di corridoio, so che  si trova a Re Bibbia.

[Io]: E il “sole che trafigge i solai”?

[Giulio]: Lo vedo sempre d’estate, nella mia casa al mare a Ladispoli.

[Io]: Di cosa parlavate “con quel pescatore per ore ed ore”?

[Giulio]: Del più e del meno.

[Io]: Nello specifico?

[Giulio]: Di come facesse la Carrà a stare con quel cofano Iapino.

[Io]: Un ‘ultima domanda, Giulio.

[Giulio]: Prego.

[Io]: Se oggi fossi costretto nuovamente “a vendere tutti i sogni tuoi”, lo faresti ancora “per una lira”?

[Giulio]: No! Lo farei per 50 milioni di euro, più iva, più fattura, più enpals e siae a vita, più una barca di fighe provenienti da tutti i paesi del mondo, con scalo settimanale al porto dietro casa mia, più l’ultimo cd di canzoni inedite di Cristiano Malgioglio.

[Io]: Grazie Giulio. A presto!

[Giulio]: Spero di non rivederti mai più!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Altri articoli interessanti

40 Modi per Essere Creativi

1. Fare liste o elenchi puntati.2. Portare sempre un taccuino con sé.3. Scrivere liberamente, senza porsi dei limiti.4. Staccarsi dal