Il Prossimo Eroe (in questo assordante silenzio)

Galileo bruciato per aver sostenuto che il mondo è rotondo.

 

Cristo crocefisso per aver detto di essere il figlio di Dio.

 

Giovanna d’Arco ridotta in cenere per aver indossato abiti maschili.

 

Giordano Bruno sul rogo per aver affermato che anche la terra e le stelle hanno un’anima.

 

Socrate condannato a morte per aver parlato alle menti dei giovani.

 

Cesare ucciso da ventitre pugnalate in nome della Repubblica Romana.

 

Cicerone con la testa e le mani mozzate per aver contraddetto Antonio.

 

Savonarola torturato, processato, impiccato, bruciato e gettato nell’Arno per aver denunciato la corruzione della Chiesa cattolica.

 

Martin Luther King freddato con un proiettile mentre marciava a favore degli spazzini di Memphis.

 

Che Guevara morto dissanguato in una baracca di Higueras mentre le immagini del trionfo cubano gli scorrevano ancora in testa.

 

Panagulis fatto fuori per la verità e per la libertà mentre la sua compagna cominciava a scrivere il libro delle sue battaglie.

 

Falcone e Borsellino fatti saltare in aria perché avevano coraggio.

 

Moro sepolto nel baule posteriore di una Renault 4 sotto lo sguardo indifferente del suo governo.

 

Chi ancora verrà punito per non aver saputo tacere?

 

Chi sarà il futuro martire a sacrificarsi?

Chi ad alzare il dito e a gridare: “No, così, non va!”?

 

Chi sarà il prossimo eroe a non aver paura?

 

Chi pagherà per aver cercato di cambiare qualcosa?

 

Onore e dignità  sono le uniche parole che, insieme alle vostre, risuonano in questo assordante silenzio.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Condividi

Share on facebook
Share on google
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Share on email

Altri articoli interessanti

40 Modi per Essere Creativi

1. Fare liste o elenchi puntati.2. Portare sempre un taccuino con sé.3. Scrivere liberamente, senza porsi dei limiti.4. Staccarsi dal